.
Annunci online

SpecialInterest
Il diario di Lino Terlati attraverso la musica di Todd Rundgren e altri idoli
musica
12 febbraio 2012
TODD RUNDGREN-Vita.
 Pochi artisti hanno similitudini con Todd  Rundgren, ma le stesse caratteristiche, quelle di una genialità non comune
le si riscontrano anche in Frank Zappa, David Bowie, Kim Fowley,  Brian  Eno, Robert  Fripp, Brian Wilson, Virgin  
Prunes.  Grandi  nomi  che continuano a stupire, hanno illuminato le pagine oscure di una musica povera, sempre
pronti ad indicarci nuove strade.
 Todd Rundgren, fra i nomi citati e' forse quello che  e'  stato  attivo  su  piu'  fronti contemporaneamente.
 Nasce nel 1948 ad Upper Darby un sobborgo di Philadelphia e gia da bambino rimane affascinato da un oggetto che
corrisponde ad un 45 giri in vinile. Trova in esso significati esoterici. In eta' adulta diventa protagonista del
 pentagramma  in  svariati  ruoli.  Artista, chitarrista  eccelso,  compositore,  poeta, ingegnere del suono, produttore
fra i piu' richiesti, regista  di  video-clip,  fotografo, copertinista, poli-strumentista  ed  one-man-band, scopritore di
talenti nuovi, proprietario di studi di registrazione fantascientifici, primo artista  interattivo, creatore  di  software  di
 computer e costruttore di macchine musicali, infine uomo comune.
 E' un artista prolificissimo, la sua attività di compositore lo vede pubblicare grandi opere ininterrottamente dal 1968
fino al 1985 anno di  pubblicazione del grande ''A  CAPPELLA" disco  per  sole  voci  (tutte  del  nostro
protagonista). Quindi una pausa di 4 anni , ma poi la storia comincia di nuovo con "Nearly human" album inciso nelo stesso modo dei grandi della Tamla Motown, cioe' in diretta in studio, con uno stuolo di session-men da far paura, e sembra essere infinita.
Insomma esiste un mito "Rundgren".
Sia  artisticamente  che  stilisticamente,  la vicenda  di  Todd  RUNDGREN,  può  essere paragonata a quella di David
Bowie. Entrambi non vogliono una residenza fissa, il continuo cambiare casa e' per loro fonte di stimoli nuovi
e nuova vita. Musicalmente partono tutte e due dalla ricerca, quella di Bowie parte da modelli gia esistenti, quella di
Todd parte da zero, la sua rivolta allo show business e' una costante ed ogni suo disco nuovo e' un voltafaccia, rispetto
al precedente.
Inizia con album  beat,(Nazz, Nazznazz) per occuparsi poi di orchestrazioni(Runt); crea album di pop songs(Something/Anythyng?), e comincia a concepire albums
fatti tutti da solo. Si dedica all'Elettronica piu' avanzata nei primi anni '70(Todd), e la sua musica diventa un luna-park
felliniano(A wizard, a true star); crea musica siderale e con fermenti nuovi, avanguardistica ancora oggi (vedi l'album TODD
RUNDGREN'S UTOPIA 1974 Bearsville). S'innamora del jazz elettrico(Another live), e in piena era punk, ricrea in laboratorio hits
degli anni sessanta(Faithful). Si  dedica  ad  un  progressive hollywoodlano(RA), sfocia nel techo-rock(OOps!Wrong planet), per approdare al un puro easy
listening(Hermit of Minkhollow). Riprende con un rock radicale, puro e senza contaminazioni elettroniche(Back to the bars), poi sono di nuovo le tastiere a
creare mosaici giganteschi sonori. E' un alfiere del pump-rock, ma dietro l'angolo pensa ai Beatles e incide un album
"DEFACE THE MUSIC" dove li prende in giro, cambia gli accordi originali, le registra  con  strumenti moderni ma
filtrati attraverso mixer degli anni '60 e le canzoni tornano nuove pur sembrando già sentite.
Un suo periodo depressivo lo porta ad esplorare la musica ambient e folk(Healing), ritorna impegnandosi politicamente con
canzoni con tempi swing(Swing to the right), il beat lo affascina e allo stesso tempo crea crazy-songs con ritmi dance.(The ever popular tortured artist effect).
Storpiare la musica deve essere una sua costante,  riprende suoni ipertecnologici e iperplastificati per oscurarli con
atmosfere ossessive e ritmiche africane in "OBLIVION" (Passport 1983), e di nuovo alternarsi l'anno successivo con
un rock morbido alla Toto, le melodie sono sempre piene di carisma e la voce raggiunge livelli magnifici(POV), tanto da
dedicarsi  solo  a  questo  strumento  per pubblicare  appunto  un  album  degno  di Palestrina, "A CAPPELLA" in
piena era Duran Duran. Si ferma 4 anni, scrive colonne sonore(Undercover), continua a produrre, ma in proprio ritorna nel
1989 con "NEARLY  HUMAN" un bombardamento  di  white  soul  e  Tamla Motown, Philly sound style; la
magniloquenza lo ritrae in "2 nd WIND" vero album operetta.
Ma pensa già a "NO WORLD ORDER" disco virtuale e cibernetico con un elettronica da far spavento e infarcito di
theremin. E' l'epoca dell'interattivita' coniata da lui, ma i suoni terreni lo richiamano in Giappone per registrare un
album sporco ed elettrico, come "REDUX". Poi si arriva a "THE  INDIVIDUALIST" Todd reinventa se
stesso con un tipico Rundgren album al 100%, che pesca soluzioni propinateci per 30 anni dal suo magico cilindro, e con un occhio rivolto al grunge piu' tecnicista che mai e l'altro all'acid-jazz.
 
"THE INDIVIDUALIST", e' ispirato a letture di Herman Hesse e della Bibbia e la e'musica adatta agli scenari descritti
dai testi, che hanno origine nella situazione sociale attuale, violenta e drammatica. Cosi' il pezzo "Cast the first stone"
e' un pezzo veranente furioso, ossessivo, dilaniato, con liriche esplicite. Il basso in primo piano a ricordare Killing
Joke o Nine Inch Nails (suoi discepoli). Molteplici gli stili musicali. Il primo bellissimo singolo e': "If not now, when";
Todd ci dice la sua sulla guerra in Bosnia.  Nel pezzo omonimo dell'album, dove insieme ad uno stile jazz anni 50 con
flauti inusuali e impasti vocali alla Steely Dan, ci racconta una favola sul perche' ora si fa chiamare TR-i e altre
diavolerie: vuole essere una confessione su chi egli sia veramente.
Todd e' un one-man-band, e anche in questo disco fa tutto da solo. Fa un pezzo dall'intro Zeppelliniana che piano
piano ci immette in un grunge con reminescenze anni '60. Il fascino e' indescrivibile. "Family values", aperta da un
presentatore di telegiornali, si snoda in un ritmo P-funk eccezionale, il piano e la sezione ritmica hanno un vero
groove nero che solo bands come i Digital Underground, o i Parliament sanno fare; in questo pezzo si parla del disagio
familiare, e Todd raccomanda di credere nei valori della famiglia. Todd e' grande con la chitarra ed in questo album
l'ha suonata un po' di piu' che negli ultimi, dove a farla da padrone era un impasto iper-tecnologico di computers,
samplers, loops e theremin.


Importantissima la sua attività di produttore, sotto di lui sono stati guidati i New York Dolls, Steve Hillage, Jesse
Winchester, Sparks, Hello People, Grand Funk Railroad, Meat Loaf, XTC, Psychedelic Furs, Zerra One, Fanny, Shaun
Cassidy, Tubes, Patti Smith, Rick Derringer, Tom Robinson, New England, Lords Of The New Chuch, Rubinoos,
Laura Nyro, Jill Sobule, The Pursuit of Happiness, Paul Schaffer, Hiroshi Takano, La Ppisch.
Rimane  sempree  negli  atteggiamenti  un provocatore verso la societa' americana, come ha dimostrato nelle puntate dello show televisivo "Politically incorrect".
E tutta la sua opera ha detto e dice veramente qualcosa di nuovo forse perche' e' proprio visceralmente innamorato
della musica. E ogni volta che lui produce qualcosa la musica sembra virare per nuove forme evolute, che partono da
lidi ancestrali per arrivare ad orizzonti sconosciuti.
E adesso siamo pronti per cambiare di nuovo orizzonte, infatti questo 1997dovrebbe essere per Todd un anno ricco di avvenimenti, a cominciare dalla pubblicazione del nuovo "Up against it", un vero musical in pieno stile broadway, un'opera che non segue la logica delle leggi del mercato discografico,completamente diversa dal precedente "The individualist". Il tema centrale dell'album e' il sesso o gli atteggiamenti sessuali diversi che si scontrano nella societa'.
La trama fu scritta da Joe Orton, artista immortalato da Stephen Frears nel film "Prick up your ears" e doveva essere musicata dai Beatles. Non se ne fece niente in quanto i Beatles si sciolsero, e Joe Orton mori' assassinato dal suo amante.
Il produttore Joe Papp per anni ha cercato musicisti capaci di eguagliare i Beatles, e disse che l'unico che poteva musicare "Up against it" era Todd Rundgren. Dei Beatles non c'e' niente, ma piuttosto Todd sembra essersi ispirato a Leonard Bernstein,Bernard Herriman,Kurt & Weill,Leiber & Stoller, Charles Ives. Niente chitarre rock, niente samples o computers, ma filastrocche irreverenti, tarantelle,una vera operetta, tutta incisa da solo, ha anche ricreato i testi, insommma un'altra faccia di Todd,ipergalattico poliedro.
Nel bene e nel male si parlera' a lungo di "Up against it", un disco che poteva essere pubblicato nel 1960 o nel 2020, senza tempo.
Poi , e la noizia e' di questi giorni Todd si esibira' a Shangai in Cina in un concerto che verra' videoregistrato e forse pubblicato in Cd solo per il mercato cinese, un invito che le autorita' cinesi hanno rivolto a pochissimi musicisti americani. Sempre dall'Est e dal Giappone e' uscito un doppio Cd tributo a Todd da parte di artisti giapponesi, bellissimo, alcune canzoni sono state tradotte in Giapponese ed il fascino e' indescrivibile e questa raccolta si va ad aggiungere ai due tributi americani "For the love of Todd" e il doppio "Still there's more" pubblicatri dalla psychedelica Third Lock Records.
Grandissima notizia e' quella della nascita del PATRONET, la musica distribuita in rete; qui Todd ha gia' pubblicato i due nuovi pezzi "The surf talks" e "Hit me like a train", e qui e' il futuro della musica, cambia la gestione della distribuzione della musica,non piu' case discografiche , ma un sito Internet dove il musicista puo' pubblicare quando vuole lui due pezzi, o 10 o 30 e subito lo stesso giorno che finisce di registrare in sala di registrazione; quando il materiale pubblicato raggiungera' la soglia dei 60 minuti, Todd vendera' un relativo Cd ad un prezzo di 5 $. Tra l'altro stannno aderendo a questa iniziativa di Todd molti altri musicisti? Sara' la morte dell'industria discografica?
Comunque per Natale Todd ha gia' pronto il nuovo Cd che sara' pubblicato dalla EMI/ANGEL ed inciso stavolta con musicisti come Praire Prince (Tubes), Kasim Sulton (Utopia), Ferenzik (geniale tastierista sperimentale autore di tre illuminati albums), Jesse Gress, chitarrista controfigura di Todd.
Ha gia' un titolo per ora "With a twist" e la novita' e' che sara' una rilettura di suoi classici, ma in stile.......bossa nova.
E della sua autobiografia che verra' pubblicata alla fine di quest'anno che dire?
Un cilindro pieno di idee,un contenitore massiccio con mille divagazioni che affondano le loro radici nella storia della musica e tutte le connessioni possibili senza un filo logico perche' la vera liberta' e' quella senza un filo conduttore.
Noi di Special Interest la prima fanzine dedicata interamente a lui, siamo lieti di annunciare che saremo anche noi in rete per la fine di Ottobre con un sito con i controfiocchi dove naturalmenteLucignolo Rundgren sara' il protagonista...........................

Lino Terlati
(passato, presente e futuro idolo)






















 
sfoglia
  

Rubriche
Link
Cerca

Feed

Feed RSS di questo 

blog Reader
Feed ATOM di questo 

blog Atom
Resta aggiornato con i feed.

Curiosità
blog letto 73258 volte




IL CANNOCCHIALE